14000

19 novembre 2010

Ho fatto il conto approssimativo dei chilometri percorsi per viaggi di piacere quest'anno...non male direi...;-)
Riguardo all'ultimo viaggio, devo dire che è stato particolare.
Israele checchè se ne voglia dire o pensare, non è un posto come gli altri.
Ogni luogo ha le proprie caratteristiche, ma quel posto, la gente, i colori , gli odori, e quel non-so -chè che si respira, che si vede, non credo possano trovarsi in altri luoghi.
Il contrasto tra il luogo mistico per antonomasia e i fucili di chi protegge quei luoghi, quella terra, non ti passa sopra con facilità. Come non si può restare indifferenti davanti ad una mal celata diffidenza che lo straniero a volte genera..
Il miscuglio di razze e credi religiosi sono in un primo momento un motivo di sorpresa, di compiacimento quasi, ma basta poco per andare sotto l'apparenza: ognuno vive solo ed esclusivamente nel suo mondo, nelle sue tradizioni, nella sua cultura, nella sua religione...il diverso è solo sopportato per una parvenza d'ordine che tra l'altro è imposto dalla polizia, dai controlli e dai militari....
Esperienza intensa però...ma lunga da metabolizzare.

Haifa



Gerusalemme



8 Hanno subito L'Incantesimo:

zefirina ha detto...

un viaggio che ho in programma anche io dopo aver finito gli stati arabi e cambiato passaporto ;-)

Baol ha detto...

Ma il tuo non è viaggiare, è un fuggire dalla finanza :D

chit ha detto...

Quando le esperienze si vivono con il cuore difficile ed anche ingiusto metabolizzarle in fretta, prenditi il tuo tempo!?! ;-)

Bentornata!! :-D

Stefano ha detto...

Ciao!
...io vedo il tutto come una gran pagliacciata,i fucili sopra la religione e le difese di ogni religione da parte delle persone.Per uno come me che e' ateo,questo o tutto quello che e' il rapporto cristiani-ebrei-mussulmani,lo vedo con distacco.
Certo e' che quelle rovine con le storie tramandate nel corso dei millenni,possono essere suggestive.
Byee!;-)

gaetano ha detto...

Ciao Bruja sono passato a vedere cosa bolle in pentola, e vedendo il tema voglio lasciarti qualche rigo.
Non ho avuto la fortuna di recarmi in Israele, pero' so che sono persone ingamba dai racconti di chi c'e' stato per lavoro, un laureato in materia di Agricoltura li ha trovati molto ingegnosi, io personalmente ho avuto a che fare con degli Israeliani riguardo a dei macchinari che poi abbiamo dovuto migliorare noi, loro come shoftware sono stati bravi, ma la meccanica dei Roboth la superiamo noi.
Come persone sono bravi a socializzare ed hanno un linguaggio almeno come mi raccontavano che e' uguale agli scritti di quattromila anni fa' mentre noi abbiamo avuto dei mutamenti di accento e di modi di scrivere dal latino e dell'Italico con i vari dialetti, loro i testi bibblici non hanno avuto variazioni.
Purtroppo per loro non c'e' pace poiche' i Mussulmani non li possono diciamo perdonare poiche' hanno una storia molto lunga per l'insediamento in quel luogo e purtroppo ci insegnano che l'uomo odia se stesso e non sa condividere il territorio con i propri simili.
Un saluto da gaetano.

nadiaflavio ha detto...

Porca puzzola che invidia.
Noi e' da un po che non si supera i confini..da quando da due siamo passati a quattro,anzi cinque col gatto, in famiglia!

Anna Righeblu ha detto...

Bellissimo il post e interessanti le note. Non so dirti per quale ragione, non ho mai pensato di inserirlo tra le mie mete possibili...
Baci

freespiritman ha detto...

Vedo che la passione per i viaggi non ti ha mai abbandonata!!!
Ciao cara, dopo una lunga ssenza, ho ridato vita al blog ed eccomi qui a lasciarti un saluto ed un abbraccio!!!
Free

 
La Bruja - by Templates para novo blogger 2007